XI. Fontan de' Banditi

L'autore stesso racconta la leggenda che raccolse su Fontan de' Banditi, appezzamento di terra paludosa e boschiva, che si trova ai confini della tenuta di Conca e del Ducato di Nettuno.

Staveno a Cori, a casa der dottore,
pe daje n'attastata a lo scopone,
don Gaitano er curato, l'esattore,
e Giggi er concertista; un bommardone

co na cavata da mann in amore
tutte quele rigazze. Un amicone...,
e giovinotto co tanto de core!
Quanno un de loro fa: - La commugnone!

- Ma gi ch' propio Lui - strilla er curato,
piantanno l le carte e 'r tavolino. -
Esce er Signore e io nun so chiamato!?

E 'r dottore, lui puro, s'arisente
dicenno: - Come? tireno er cantino,
e 'r medico condotto nun sa gnente!

***

Escheno tutti pe ved cos'era,
ariveno er Vatico e la gente,
e sanno che a la moje de Trinchera
j'era preso, Dio sarvi, 'n'accidente.

- E gi - fa don Gaitano - primavera!...
tante le vorte 'r sangue s'arisente...
Si er Signore si scommida de sera,
er caso, dico, dovrebb'esse urgente! -

Se mette in pareggiata ar bardacchino
e fa ar sottocurato: - Ce vo tutta!
M'arilegro davero, don Crispino!

La mejo posta! e tu porti er Vatico!?
Si ć'ariochi, (1) co la messa asciutta
te pianto, e t'arifilo er companatico!

***

E da l a 'n tantinello Maria-Rosa
riceve li su bravi sagramenti...
La bocca je se fa nera, bavosa...
straluna l'occhi sbattenno li denti;

e smania... e vo parl!... vo d na cosa...
Gnisuno fiata pi... so tutti attenti:
- Vojo... - dice - che Nina sia la sposa
de Giggetto... si loro... so cuntenti. -

Poi quieta come n'oca tira er fiato...
Ninetta era la fija de Trinchera
e Giggetto, se sa, er su innamorato.

Unica fija! Eh! robba l ce n'era!...
Quer galotto ce s'era acchittato, (2)
e se sposorno doppo primavera...

***

E vi 'r giorno che 'n patre, nun ć' santi,
de taj la corda der sacchetto:
pe l'acconcio, pe l'ori e li contanti,
Titta va i' stalla, se fa arm (3) er muletto,

p'ann a Nottuno, a trov li mercanti,
ch a quela festa, ch' 'n carnivaletto,
ce li vedi de posta tutti quanti,
mejo che a Roma a la Ritonna, o 'n Ghetto.

E Titta, sverto come 'n rigazzino,
sarta a cavallo e passa pe la piazza
sgaggiannoce de mezzo portantino, (4)

penzanno, poveraccio, a Maria-Rosa,
quanno vieniva l su la terazza,
e je faceva: "Addio!" Bona e amorosa!

***

Queli giorni a Nottuno 'n gran festino!
Tu l'i da vede la priora in festa,
quanno va in chiesa con er concertino,
tutta pimpante (5) cor mantile in testa!

Porta de raso rosso er corpettino
guarnito d'oro e rossa ć' la vesta,
co la pedana puro d'oro fino,
varzente (6) ar collo e perle e anella a cesta!

E l'i da vede la funzzione in chiesa!
Quela de Cori, nu' pe faje offesa,
te dico ch' puzzetta ar paragone.

E nun te dico de la precissione!...
Doppo vespero, in piazza, corze e giochi;
e a n'or de notte impunto ć'i li fochi.

***

Eh! vedi su quel'alberi infrascati
branchi de rigazzette e de monelli!
Nidi de passarotti appena nati
che mo ruzzeno e mo fanno a capelli,

Sbussolettano l sotto, impostati,
stroppi e ciechi raminghi poverelli,
e li moscetti in festa s arivati
e caporali grassi e fidarelli, (7)

E butteri e massari e la fattora,
sposetta primarola, arimpettata,
cor pupo imbraccio bbello che innamora!...

Luce ar sole sta gente impajnata
sbruscolinanno e aspetta ch'esca fora
la precissione da la Colleggiata...

***

Ecchela!... Er primo Peppe er mannataro,
doppo li maggiorenti cor lampione.
Porta er tronco Giggetto er macellaro.
Vede quer tronco!... na consolazzione!...

Fatto de fronne e d'ogni fiore raro,
con un serpe de rose intorcinone!
E l'assessori porteno er cordone
de lo stennardo perch marci a paro.

Poi vergini, angeletti, e li Fratelli
cor sacco rosso e bianco de bucata!...
Chirichetti da nido, santarelli...

li canonichi! e poi l'Addolorata
che ar costato ce ti sette cortelli,
e 'r concerto che sona la Traviata.

***

Acqua! Grazzia, Maria, a gli poverello!... -
j'urla appresso la folla a gni tantino...
Ma stura certo sugo gni tinello
che fa le grazzie lui, quel'assassino!

Ccus l'i de scus si 'n der pi bello
senti quarcuno de strill caino!...
E puro Titta nostro, puro quello
ce va 'n momento der gajardo a vino.

Fatte le crompe pe la fija sposa,
se mise solo solo a fa 'n boccone;
ch la passione sua pe Maria-Rosa

pi lui l'affoga e pi je torna a galla,
e se pij na sborgna a commugnone...
sempre co quela cosa d'affogalla!

***

Doppo li fochi, come tutti quanti,
tornava a casa, e a quela scurtatella,
dove che insorge l'acqua, nun c' santi,
er mulo se vo f na succhiatella

puro lui!... Ma l 'n omo se fa avanti
urlanno: - Ferma!... - Era na calatella! (8)
Titta, bevuto, je fa: - Eh! che me canti?! -
E quelo: - Nun te move! e gi da sella! -

Ć'aveva er bravo muso incappucciato
come 'n fratello de la Bbona-morte
e stava pronto cor fucile armato!

Ce mise un Paternostro a svaliciallo!
E poi je fa, p'annacce pe le corte;
- Damme er tu mulo e pija er mi cavallo! -

***

Nun c' funtana l, ma c' na polla
d'acqua sorgiva. Si la guardi, pare
che serpeggianno ruzzarella bolla,
pe le stradelle sua cercanno er mare.

Pe de l gni largura verde e molla,
pe quele macchie a le beccacce care,
perch la sera in de la tera frolla
vanno a succhi come la luna appare.

Poi se sperdeno st'acque e pi lontano
fanno na cascatella chiacchierina,
mo s'arifanno strada piano piano

e mute 'n po pi in l fanno piscina;
e gni bestia da fida (9) a mano a mano
ce va a beve e l'inzegna a la vicina.

***

L, Titta, doppo sta svaliciatura,
annava ripetenno stralunato,
mentre je dava fora la pavura,
e 'r vino in corpo s'era sistemato:

- L'ori! li sordi! e la cavarcatura!... -
Basta, a punta de giorno era tornato.
Chiama er fattore, come chi ammatura
quarche botta che in testa ruminato,

e je fa: - Sente; leva la littiera,
sciarma (10) sta bestia e mora d'accidente
senza magn 'nzino a domani sera,

e senza beve... me capischi? gnente!
Leghela a curto, e nun so pi Trinchera
si nu lo trovo!... E avvisa l'antra gente. -

***

Du giorni sani a legge la gazzetta,
senza magn, n beve! Eh! quer cricchetto,
co n'arzura e na fame maledetta,
s'era ridotto peggio d'un soffietto!

Ma er vecchio ce credeva a la stecchetta!
E 'r giorno doppo, come aveva detto,
va i' stalla a vede si la su ricetta
a quel'amico je faceva effetto...

Guarda la bestia, e fa: - S, ch' arivata!
Caccela fora, daje du stangate,
lassa che giri sola scapezzata...

Lei m' da f 'r piccione viaggiatore,
er nido, deve sta pe ste spianate,
nnamoje appresso e lassa fa 'r Signore! -

***

Esce la bestia... d na sgrullatina...
nitrisce... e pe la strada de Cisterna
guarda... appizza (11) l'orecchia e s'incammina...
E 'r vecchio appresso co 1a su linterna...

Fa strada... e pi ar paese s'avvicina,
tanto pi slonga er passo e s'arimperna. (12)
E 'r vecchio co na faccia viperina
barbottava: - Li magna... e l ce sverna! -

So a Cisterna. Er cavallo difilato,
va ar mejo palazzone! E quela gente
l'ariconosce e je d 'r bentornato...

Titta va i' stalla, vede er su muletto,
e strilla: - Ah! t' stanato finarmente!
E mo te faccio secco drento er letto. -

***

Era lui! lo chiamaveno er Bojetto. (13)
- Caccia l'ori e le piastre sane sane -
je fa Titta - e aridamme 'r mi muletto! -
San Marco!... (14) mmol l'osso!... E lui, quer cane,

ricco a mijoni! un fijo, rigazzetto,
aveva abbandonato senza pane!
E quer povero fijo... era Giggetto
er bommardone... Eh! so vicenne umane!...

Spar dar monno quela bbona lana,
e chiamorno Funtana der Bandito
quela sorgente pe la macchia piana.

Ma, a dilla, er monno mo s' inciovilito!
Senza de cerc n'acqua o na funtana,
sti Bojetti li trovi in ogni sito.

NOTE.

  1. Ariocare, tornare nuovamente a far la stessa cosa.
  2. Acchittare, avvicinarsi ad un determinato punto.
  3. Armare, metter la sella o i finimenti.
  4. Portantino, portante, andatura artificiale che si fa prendere ai cavalli della campagna.
  5. Pimpante, in pompa.
  6. Varzente tutto ci che di valore portano indosso le donne.
  7. Fidarelli, piccoli proprietarii nomadi, che mettono a fido nei latifondi il loro armento.
  8. Calatella, accordo di pi persone a danno di qualcuno, scendendo in agguato dai colli alla pianura.
  9. Bestia da fida, gli armenti dei fidarelli e dei moscetti.
  10. Sciarmare, togliere la sella o i finimenti al cavallo.
  11. Appizza, aguzza.
  12. S'arimperna, si rallegra, rifacendosi cuore.
  13. Bojetto. Il Silvagni allude ad un tale chiamato con questo soprannome.
  14. San Marco... proverbio romanesco che san Marco faccia maturare innanzi tempo, per forza, le ciliegie.

Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it