XIV. Borriposo

CARI AMICI ET NEMICI
NUN CERCATECE PERCH SEMO MORTI
SEGNO DE CROCE DE FORTVNIA
MENICO A. MANO PROPRIA
HOGGI LI DUVE DE SEPTEMBRO
AO PESTIS 1658

Buonriposo, in dialetto Borriposo, vien chiamato un latifondo a 27 miglia da Roma sulla via Cecchina - Nettuno. Comprende 480 rubbia di terra un tempo interamente boschiva. Ebbe vari nomi, e lo possedettero le pi nobili e celebri famiglie romane; fu un tempo chiamato Castel Verposo, Santa Maria in Verposa, ecc., ecc., ma verso il principio del secolo scorso venne ad un tratto chiamato Buonriposo.
un piccolo proprietario di Genzano, romano di origine, che spiega perch quel latifondo prendesse la moderna denominazione di Buonriposo.
Orsano
un grande fosso pittoresco e selvaggio che delimita a sud il confine della tenuta. La iscrizione che riporto, sta graffita sul muro di una povera casetta a Poggio Ginolfo e la trassi dal pregevole lavoro del Degliabati Da Roma a Sulmona.

Nino Grisanti me l'aveva detto,
dice: - Stamme a sent, nun poi sbajatte,
quanno stai l davanti ar casaletto
de Borriposo, ce vai propio a sbatte

ar fosso Orsano, ce pij de petto.
Quann' de marzo, pe de l ce batte,
lo poi d forte, quarche animaletto,
Tu cerca solo a nun impappinatte.

Scegni, guarda e vedrai na piscinola
ch' unica a vedesse in der suo genere:
l'acqua, come 'n oriloggio, batte e cola

a gocce a gocce su le toppe tenere
de villutella, e morta se conzola
tra l'ellera, er crescione e 'r capirvenere. -

***

Faccio 'n tantino de mente locale
e dico: Eh! annamo, la serata bella...
Guardo er cielo... pareva 'n carnivale,
gni tantino filava quarche stella.

Gi annaveno in amore le cicale!
Do 'n bacio a Nena, pijo la cupella,
lo schioppo, du sfumate (1) de majale,
armo er somaro e... alegri, serenella!

Quela strada 'n giardino! Quarche vorta,
ć' la macchia, e se sa, pe quanto sia,
quarche sgrassetto, na perzona morta...

Se capisce, mich' na sagristia,
La macchia macchia! Ma la gente accorta
accorda la ghitarra (2) e tira via...

***

Se la magna la strada z Nicola,
er somarello mio! Ć' 'n portantino,
che co 'n bicchiere immano nun ce cola,
pieno cormo che sia, 'n goccio de vino!

Te dico che je manca la parola...
Poteva son er primo a matutino
e noi gi stamio a quela piscinola
der fosso Orsano che diceva Nino.

L, quanno scegni, doppo l'accimata,
te trovi immezzo a na battajeria
de scatrafossi (3) drento a na vallata,

ma da fatte strill: Gisummaria!
L'acqua l' inverno cure indiavolata,
cor piove, rode, sfascia, e porta via.

***

Ingajardiva la tramontanella
mentre faceva giorno a poco a poco,
Scenno e a ridosso de na macchiarella
pijo du frasche secche e je do foco.

Finita de ball la tarantella,
'r caso, dico, da f n'antro gioco:
de d na succhiatina a la cupella.
Magno un pezzo de pane, ć'arioco.

E, capirai! cor freddo e beve e magna,
vi quer calluccio... emb, dico, sor coso,
ve pija 'n tantinello de cecagna... (4)

M'indormo, e tra 'n rumore scivoloso
sento na voce umana che se lagna
sospiranno: - Fratello, borriposo!... -

***

Grazzie tante - je fo... Ma qui a le corte:
o z Nicola quelo ch' parlato,
o n'anima ch' fatto mala morte!
Richiudo l'occhi, e come appennicato,

riecco quela voce! e pe tre vorte!
Ah! dico: fresca! e qui je puzza 'r fiato!
- Che er Signore te pozza opr le porte
der Paradiso, fijo tribbolato!... -

E de potenza schizzo come 'n grillo
su z Nicola, e su pe no stradello
pijo la carrareccia, e, manco a dillo

i visto er fugge de quer somarello!
Che 'r Signore lo pozza benedillo,
je vojo bene peggio che a 'n fratello!

***

Volevo chiede a quarchiduno vivo:
- Chi che canta l sta littania?...
E filo dritto indove che sentivo
batte l'accetta d'una compagnia

che cioccava la macchia...Io ce pativo...
Era puzzona forte sta maggia!...
Trotta, bastona, e in mezzo a queli arivo,
domanno, e sento a d sta bojeria:

Poggio Ginorfo, dice, 'n paesetto
che sta sopra d'un monte, a pettorina (5)
in faccia a sole, che pare 'n farchetto.

E l ć'era na bella Poggiolina,
che l'obbrigorno de spos 'n moscetto,
co sordi tanti e 'n fiore de cantina!

***

Fortunia invece lei portava amore,
a core a core de la su casetta,
a Menico, un rigazzo tajatore,
che puro lui campava co l'accetta.

Sposa d'un antro, a quela poveretta
je prese come fusse 'n sopraccore,
che perdeva li senzi e l interdetta
restava come morta ore e ore!

Viense la peste, che a sent e' ricconto
de sto fraggello da le genti dotte,
ma te dico che tu rimanghi tonto.

Pe mesi e mesi sani, giorno e notte,
cascaveno a mijara, fatte conto
come fussero state peracotte!

***

Fortunia annava in chiesa e fu riccorta
priva de vita, senza f na mossa...
Queli dicheno: - peste! - E come morta
la buttorno co l'antri in d'una fossa,

come se usava, pe falla pi corta.
E in quela bucia de carnaccia e d'ossa,
se sveja e viva se trov seporta!...
Immagina pe quela si che scossa!

Ma nun perde coraggio e un morto affera
pe la testa e que l'antro pe la pelle
de la panza, e su e su tra corpi e tera;

e pi cerca allargasse immezzo a quelle
schifenze morte e pi la puzza sfera;
ma vie su, a galla, a rived le stelle!

***

Va dar marito suo; ma er pavuroso
la pija pe no spirito debbotto!
E je fa: - Pace santa, borriposo
a l'anima tua cara. - E lei de sotto

dajela a url: - So io, caro er mi sposo,
varda in che stato che m'nno ridotto!
prime, so tu moje! - E sto schifoso
nun crede vivo quer pianto dirotto!

Lei daje a piagne; e lui: - Nun sei risorta!
Borriposo, sorella!... - In quelo scuro,
sonava mezzanotte. Stracca morta,

ignuda, signozzava: - Te lo giuro,
so Fortunia, so viva; opri la porta!
Mo me moro da vero! - E quelo? Duro!

***

Come er cane, che, senza la raggione,
lo poi lass lontano mija e mija,
t'aritrova la casa der padrone;
cos aritrova lei, povera fija,

trafelata, sfinita, appecorone,
la vecchia casa de la su famija.
La matre, che diceva l'orazzione,
vattelapesca si pe chi la pija!

- Opri! So io, tu fija ciurcinata! (6) -
E quela: - Borriposo, sarvazzione,
va in Paradiso, anima tribbolata!... -

Gi ricantava er gallo. In quelo stato,
morta dar freddo, de disperazzione,
bussa a la porta der su innamorato...

***

E capirai, che l nu la cacciorno...
E 'r giorno doppo co le rondinelle
piantorno er nido e, tela! se squajorno
co du straccetti e quattro pecorelle...

In odio ar monno, agnedero l un giorno
a nisconnese st'anime gemelle,
e sur muro de casa te sgraffiorno
quer vijetto che fa 'ggrinz la pelle:

Cari amici et nemici, nun cercatece
perch noi semo morti!...
E in quer fonnaccio
de stuzzicalle adesso?... Emb, provatece!

Borriposo, fratello!... ve diranno,
p' aricord a le genti der monnaccio
la pena d'una corpa che nun nno.

***

Spiriti innamorati, irrequeti,
ronzeno ancora in queli fonni cupi,
tra li vecchi licini e li roveti,
che fanno riverenza a li dirupi.

E a l'ombra fresca, sotto a li spineti,
o ar chiaro de la luna pe le rupi,
s'accarezzeno, amannose, queti
come le vorpi s'ameno e li lupi...

Ma indove l'acqua ruzzarella cola
e imbrillanta le foje ar capirvenere,
ripijeno la vita e la parola,

e se dicheno tante cose tenere
e inzieme vanno gi pe le stradelle
lucenno in tra le ferci e le roselle.

***

Tornavo a casa... e pe l gi, a ridosso
der tommoleto, fra li nuvoloni,
calava er sole immezzo a 'n bucio rosso...
Bruciaveno fumanno li carboni!

A uno a uno, riva riva a 'n fosso,
faceva strada 'n branco de montoni...
Quer campano te dava er freddo addosso...
A monte brontolavano li toni!...

E z Nicola mio daje, quer boja,
a cant salutanno primavera!
strappanno qua 'n germojo e l na foja!...

La macchia se faceva nera, nera...
L'arberi te pareveno perzone
che ć'avessero er core e la raggione!

***

E dicevo: Oh! bell'ormi... Oh! cercue belle!
Voi puro date l'urtimo lamento,
cor dinnol che fate lento lento,
er giorno ar sole e la notte a le stelle!

Ah! poveri vecchioni e vecchiarelle,
ch'aresistevio da cent'anni e cento
a li geli, a le secche a gni tormento...
L'accetta a l'arba ve far la pelle!...

Rami smargianti, (7) indove da la cima
vedi er mare a gioc sopra a le spiaggie,
come er vento su voi ruzzava prima,

ecco l'ira de l'ommini e de Dio...
Sarvate er nido, russignoli e gaggie!!...
Arberi belli... anime sante... Addio...

NOTE

  1. Sfumate, piccole fette di carne affumicata.
  2. Accorda la ghitarra, cio arma il fucile.
  3. Scatrafossi, grandi fossi, malagevoli a praticarsi per le corrosioni prodotte dalle acque piovane.
  4. Cecagna, sonnolenza.
  5. A pettorina, col petto rivolto ai raggi del sole.
  6. Ciurcinata, tribolata, derelitta.
  7. Smargianti, lussureggianti, forti e robusti.

Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it