III. Femmina morta

Femmina morta il nome di un vasto latifondo della provincia romana nelle vicinanze di Conca, di Campomorto e del ducato di Nettuno.
lo stesso Luigi Scagnetti, che gi raccont i casi della Intossicata, il quale, a fin di cacciata, pernottando al casale di Femmina morta, narra all'amico suo perch da tempo immemorabile questa terra sia cos chiamata.

B, dunque, preparatece sti letti,
datece, come dico, sto bicchiere,
de quelo vecchio!... de li poveretti...
Inzomma fate voi, stiamo a vedere;

e sgaggiannoce poi co sti spaghetti,
c' er caso che ve famo cavajere!...
Nun serve a dillo, che Giggi Scagnetti
ar conto fatto sempre ir su dovere...

- Ah padron Giggi a sta Femminamorta
ce fusse puro quarche bojeria
come quela l gi, der Pantanello? (1)

- Si c'?... ma te la dico n'antra vorta.
- E daje... - robba vecchia. - E tira via,
mentre che bulle l'acqua ar callarello. -

***

i da sap che l'omo arovinato
si j'entra in corpo amore e gelosia.
Er core, come fusse avvelenato,
se rosica e nun sa che cosa sia.

Dichi gnente, geloso e innamorato!
Ma che avvelenamento! na pazzia.
Che, si va bene, c'esce l'ammazzato!
Che te pozza sarv Gisummaria!

E 'r cervellaccio poi fabbrica... vola!...
A l'acqua, quann' chiara, nun ce credi;
ma si torbida e c' la cirola, (2)

alora bevi grosso e tu stravedi;
e si la donna tua ć' un po de scola,
come a cerc purci co li piedi!

***

Era Pasqua e Rosella arimpettata,
cor busto novo, rosso, de la festa,
cor fazzoletto bianco de bucata
sopra a le spalle e la tovaja (3) 'n testa,

annava in chiesa a la messa cantata,
aggiustatella, povera, modesta,
pe li scalini de la Coleggiata,
tritticanno li fianchi lesta lesta.

E su marito, un certo pezzo fino,
che l'appostava pe 'n sospetto antico,
lassa l'amichi e je se fa vicino,

dicennoje: - Finiscila, te dico,
cor fijo der padrone, er signorino,
er chirichetto, che te fa l'amico! -

***

E je fa vede tanto de ronchetto !...
Mo, nun sia mai, che in der vort er messale
l'amico te lavora un po d'occhietto...
tu capischi che l finiva male!

Rosa l'aveva fatta in pizzo ar tetto,
e, manco a dillo, che quel animale
doppo je se lavora er chirichetto,
ch av raggione o torto l nun vale...

- Scusame, Giggi, si mo te dimanno
na cosa: Ma sto Lui, sto malandrino,
ć'aveva er nome? - Ma che vai cercanno?

Ma te se' messo a famme er questurino?
Te sto dicenno er fatto, er come, er quanno...
e famme rispir, aspetta 'n tantino!

***

Te vojo f cap, fijo beato,
ch'i voja d'esse tu de primo pelo
o in de ste cose qui matricolato,
l'omo geloso ć' in de l'occhi er velo!

Lei pija pasqua, e 'r chirichetto amato,
che la sapeva lunga in der Vangelo,
je d un vijetto mentre che er curato
la communica arzanno l'occhi ar cielo...

E Lui fa mosca e nu je dice gnente,
mentre doveva l faje la botta!
Esce da chiesa... fa l'indifferente...

Quel'antro sverto butta via la cotta,
e 'r curato e li preti indegnamente
vanno a la Coleggiata a f ribbotta. (4)

***

Ma quer Lui? - La finischi a sbatte l'ova?
Lui se chiamava Meneco, e sta zitto!!?
Lui che diceva? Famme av la prova
infragrante der corpo der delitto.

Quanno vi er tribunale, emb che trova?
che? Li mortacci sua... Faceva er guitto.
Nun se frega er ciociaro! aspetta e cova,
ma quanno lassa er corpo, lo fa dritto!

Va a restrigne le bestie... e intanto quella,
che se fidava... inzeppa, lesta lesta,
drento a la culla e fijo e larinella,

quattro straccetti, e senza f parole,
lui co le bestie e lei cor fijo in testa,(5)
So l a Piperno prima ch'esca er sole.

***

Lui faceva er biforco a la giornata
pe f lo spurgo a l'acque a l'Amaseno. (6)
Dichi gnente! che vita tribbolata!
de succhiasse quer sugo de veleno,

de quel'ira de Dio rimucinata,
che te cova quer fiume drento er seno!?
Gni bestia che l gi fa na pedata,
caccia na perniciosa, pe lo meno!

Quanno so a la Crocetta de Sonnino,
Rosella stracca vo ripij fiato
pe fallo succhi in pace er su purcino. (7)

Menico che la notte ha ruminato
muto, facenno strada, er vijettino,
l'inzurta e la minaccia stralunato!

***

Le bufole cammineno soffianno
a la sperella de quer sole ardente
Pare che se la godino sguazzanno
sino ar collo in de l'acqua puzzolente.

Sur zannalo er biforco, dritto, urlanno
a quele che cammineno pi lente
o a lei che, a piede, va piagnuccolanno:
- Menico, tu lo sai, sogno (8) 'nnocente! -

Rugge, e le bestie furbe a quela voce
pare che j'arisponnino: - Eh! tu canta,
ma noi dovemo ann sino a la foce. -

Lui la cerrata (9) abbassa e l desotto
indove pi je coce je la pianta.
E le bestie je fanno un caposotto.

***

E ritorneno assopra bbone bbone,
co l'alighe sur muso, a passo lento...
Arde la tera con er sollione!
nu move foja... nun c' un fir de vento...

Lei ciancicanno piano n'orazzione,
cor fjo ar petto, nun fa pi 'n lamento;
ma canteno la su disperazzione
le cicale e li grilli a cento a cento!

In aria intanto, senza move penna,
fa gabbale 'n farcaccio malandrino.
Mo ronza e mo te pare che discenna,

si lei se ferma a rispir 'n tantino;
mo cammina e lui pare ch'ariprenna
a fa rote su quer cielo turchino!...

***

Ma la fatica, er callo, e pi la voce
de quela ciurcinata in agonia,
fanno aribbolle in quer core feroce
tutto er marciume de la gelosia!:

- Tu nun ć'arivi a vdela la foce! -
Biastema. - Qui nun ć' la sagristia!
Qui nun ć' che lo sole, che te coce!... -
Quela ciancica n'antra avemmaria.

Je sarta ar collo come na pantera...
lei casca in tera co na convurzzione...
fruga, trova er vijetto... E che cos'era?...

Era er vijetto de la cummugnone!...
A riccontalla nun te pare vera !...
Cos' la gelosia!... Che strafarcione!

***

La ciociara, ferita in de l'onore,
superba, pi fiera der lione!
Magaraddio ce tribbola, ce more
de crepacore, de disperazzione!...

Mai, mai te la far n'umiliazzione!...
Lei piagne, rosicanno er su dolore,
e alla fine te pianta quer puzzone,
e s'arimette in mano der Signore...

Ma 'r ptto je se asciutta, e verzo Mesa, (10)
pe pag ar fijo suo quarche succhiata,
se butta a f mignatte in quele cesa. (11)

Ma nun je sfama er fijo tenerello
la tera che cor sangue lavorata!
Quer cielo avvelenato tanto bello!

***

Raminga, senza pane, senza tetto,
dar monnaccio innocente strapunita!
cor fijo a collo e senza latte ar petto,
a calata de sole era sfinita!...

E a riva de quer fiume maledetto
succhia in ginocchio l'acqua imputridita
e in de le labbra de quel angeletto
la verza a goccie pe tenello in vita!

E lo bacia e l'abbraccia disperata,
smunta, tremanno co la febbre addosso,
dar chiaro de la luna allucinata!...

E na mandria pascenno in quela sera
intese a piagne er fijo mane a 'n fosso...
na lamentanza cupa e na preghiera!...

***

Qui, ar confine, ć' 'n arbero spaccato,
che fa da ponte, perche l'acqua roso
er letto der torrente e l' affonnato...
Sia che l'arbero fusse scivoloso,

sia che la testa l j'abbia girato,
parte pe l'osteria de Borriposo (12)
cor fijo ar petto smunto abbraccicato;
e in quer fonnaccio verde, marcio, ombroso,

quela femmina morta fu trovata...
Ć'aveva ancora arisarello er viso,
supina, da l'erbacce abbarbicata...

Rifiuto de la tera! In quer perijo,
prima de vol dritta 'n Paradiso,
lei se penzava a sfam in cielo er fijo!

***

Eh! Lui, quelo lass, ce va in guazzetto
a ricordasse de li poveretti!...
Lo saprai chi quer Lui, s benedetto,
che fa piove qua sassi e l confetti?...

Pare che l'abbia inteso quer che detto...
Zittete, Pe'..., qua pioveno spaghetti!...
Io gi vi vedo co la croce in petto!
E ar conto si vedr Giggi Scagnetti
,

Damoje, Peppe. - Eh! gi, co sto vermutte!
Dichi presto a magn ć' 'n gnocco 'n gola...
Fijo d'un cane! e le sai propio tutte...

Damme da beve... Eh! chi ariesce a ignotte!...
Si te domanno n'antra cosa sola,
me possino ammazz prima de notte!...

NOTE.

  1. Piccolo padule, quello cio dell'Intossicata.
  2. Ciriola, piccola anguilla che si pesca nel Tevere. Il dialetto ne ha derivato il verbo ciriolare, che vale tergiversare. Nun f la ciriola, non tergiversare.
  3. Tovaja, si chiama cos e non altrimenti la pezzuola di tela bianca che portano sul capo le donne della Campania.
  4. Ribbotta, mangiare e bere allegramente.
  5. Cor fijo in testa. Quello il modo di portare i figli, con un paniere di vimini entro il quale col figlio c' un po' di tutto.
  6. Amaseno, fiume che traversando le paludi ha la foce a Terracina.
  7. Purcino, anche usato come vezzeggiativo, nel senso di bambino.
  8. Sogno o songo, forma ciociara della prima persona del pres. di essere.
  9. Cerrata quel bastone, ferrato in punta, di grugnale, con il quale si incitano a camminare o si correggono le bufole.
  10. Mesa, nome di un latifondo nella Palude Pontina.
  11. Cesa, largo cintato nel mezzo di una macchia, popolato da qualche capanna di pastori nomadi.
  12. Detto popolare che si applica a coloro che passano da questa all'altra vita.

Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it