Poesie scelte edite ed inedite in dialetto friulano

Di Ermes di Colloredo,
con aggiunte di Pietro Zorutti
Udine, pei fratelli Mattiuzzi, 1828

(Biblioteca Nazionale Braidense - 18.23.F.22-23)

pag. 8

Vasti preparamenti di guerra fatti dal Turco contro la Maest di Leopoldo Imperatore.
Si augura e si presagisce vittoria all' armi di Sua Maest Cesarea.

ODE

SPONTAVE dal levant
La vanguardie dal di, l' albe novele,
E in un istess istant
Sparive in cil al so apar ogni stele;
N lumins mai tant,
N plui lucid, n mai plui risplendent
Apolo issi dal Gange in orent:
Quand eco, oh gran stupor !
Pizzul globo di nul alze a un moment
Nembo, che cun teror
Strepits ad ognun puarte spavent:
La tiare emple d'orror,
Il cil par dut amante di corot,
E in faze al Dio di Delo appar la gnot.
Strisse il lamp, e d il fuuc
E' bombarde dal cil, e al lamp suced
Subit il ton, e in luuc
Mist d' umid e di chiald e d'ajar fred
La conzele chel sc
Che Febo atrai de tiare, e in mud costipe,
Che lu regno di Cerere dissipe.
Cuss, Signor, j miri,
O mi pr di ved, che al levant
Torbide lune ziri,
E atrai d' un gran vapor l' umor pecant;
L' Unno ribel, che aspiri
A libertat, e il Turc, che Marte inflame,
Sich a l' Austrie manazze e fuuc e flame:
Di mil squadris gran chiamp,
Un marzal diluvi inonde il plan
Tarlupe ormai lu lamp
De curve scimitare al Trace in man:
A la muart no l' schiamp,
D' armis a un tal torent no l' ripar,
Ma ce torrent? di milizie un mar.
De formidabil trombe
De fame veritiere il rauc fragor
Par l' Europe ribombe,
E di un tant aparat puarte il teror:
Torni omai la colombe,
Puarti l' ulif, e quintri i Munsulmans
Vidinsi unz un d Princips cristians:
Ma sol in chiamp apar
Il gran Leopoldo, il clement, il just,
E sol armat compr.
Di squadrons aguerz fuart e robust
Tu sol alzis ripr
Gran Monarchie da l' Istro: ah! non tem,
Che se ben sol, il cil leghe ha cun te.
Tiran usurpator
Che tente rinov di Soliman
L' antic insult, e al flor
De Germanie puart strazio inuman
Ti ramenti, o Signor,
Che in vez dai tiei antenaz, e di tant chiamp
A l' Austraco ardor servin d' inciamp
Il Raab, il Raab ti sveli
Che spetator fo dal valor cristian,
E chel a te riveli
Qual plaje fe a Macon brand Aleman;
Chel Raab a te si spieli,
Che di sanc Maometan sglonf e crissut
Ad Anfitrite in sen puart tribut.
In tant l' empio Macon
Rabie e furor in pet spire al Sultan
Colegat a Pluton;
Radune l' Asie e il popul African
De turche trombe al son:
Plen di fast circondat il fier Circass
D' inumerabil turbe avanze il pass.
Ma qual il cil destine
Ai doi grang chiamps prospere o ree fortune?
Qual vitorie o rine
Prepare a l'Austrie, o a l' Otomane lune?
la me Clio l' indovine;
Presagiss rimirand propizie stele,
E cun sermon verz cuss favele:
La grand' Austriache plante
Produtrice d' erois, cepo imortal,
Difind il gran Tonante,
Ne fulmin tem l' aloro imperal
A Dio dilete, e sante
Ten lass coronz d' eterne glorie
Mil campions preparz a la vitorie.
Al gloros ered
Dal prin Alberto al gran Leopoldo invit
Z prepare e conced
Il trionfo imortal al gran conflit.
Ormai in cil scrit
La sentenze fatal, e ormai s'imbrune,
Di mortifar squalor la Tracie lune.
Ed eco da lontan
Marchie il barbar esercit in distanze;
Gran front distind sul plan,
E a l'us Turchese falcade l'ordinanze:
Ma il bon chiamp cristian,
Bench in numar di assai resti inferior,
Avanze in discipline ed in valor.
Leopoldo i siei campions
In dos lineis compart cuss planc planc;
Ha in miez ju batajons
De fantarie, e i cavalirs al flanc;
Tramezat di canons
Ha lis squadris, e al flanc dai cavalirs
Dragons, Ongiars, Crz e Venturirs;
Radople l' ordinanze
La retroguardie cun pompose mostre,
Ma tu, o gran Re di Franze
Di mil squadris armat, tu belicos
Staras a tal tragedie neghitos?
Mire il barbar feroz,
Che qual mastin rabios e d' ire ardent,
S'inchiamine veloz,
E poc acquist l' Europe al gran intent.
Al spetacul atroz,
Primogenit dal popul batat
Tu sars spetator e al cil ingrat?
A sint chel che al ds
Dal cil il to Gofredo, e cun rossor
L'indovine e preds
Anchie de to fortune il ver tenor:
Tu vedars, Signor,
In te' Senne e in ta 'l Rodan un d fuars
L' Arabo curidor a tuf il muars
Ma pizzul spazzi omai
Reste fra un chiamp e l' altri al gran ciment;
E pedons e chiavai,
Al ceno imperal ognun sta atent
Marte si mostre omai,
E al rimbomb dal concavo metal
Trmin il cil, la tiare, il mont, la val
I1 drapel coragis
De vanguardie il nem sfide a la pugne
Cul ceno e cu la vos
Ecite il coridor, e il fiar impugne.
In trono mests
Compr la muart, ed eco in un moment
Dut fuuc, dut flame, e dut sanc e spavent.
Dan fuuc lis bombardis,
E il canon dut fracasse e puarte al vint
Chiavai e cavalirs,
Giambis, braz, chias e busg, dut indistint;
No d luuc ai pinsirs,
N manco dal mur: e il colp fatal
Sbrane in piez l' om prime che al sinti il mal.
L' un cun l' altri squadron
Si acozze, e qual tempieste in bosc fronzut
Puartade dal son,
In momenz lu disfronde e reste nut.
Tal sore ogni campion
Svole il plomb, e dut chiad volte e rine
N si viod ordin plui, n discipline,
Il grand f di Macon
Plen di rabie e furor passe indevant,
E qual folc dopo il ton
Fore, spezze in cent lucs in un istant
Leopoldo a lui s' opon;
Or cui qual gnuf Giosu ferme il soreli,
Che a l'eroiche tenzon servi di spieli.
Qual gnot plene d'oror
Cupo silenzio ingombre in un moment,
Cussi plen di stupor
Si ferme ogni guerir al gran portent.
Il belics fragor
Cesse de trombe, e stupid ognun ts,
Par il campo di Marte il chiamp di pas.
Chei erois glors
S' incontrin, e il Circass d' un gran fendent
Leopoldo coragis
Urte e colpiss; ma chest al colp atent,
E cun prodigs
Ardiment il Pagan feriss al flanc,
E de feride il colp mostre lu sanc.
Alzin grido improvs,
E mil vos dan aplauso al feritor;
Ma i Barbars inims
Ecite a la vendete un just rossor:
Si divulghe l' avs;
Torne il conflit e l' odi e l' ardiment
Familiar rind de muart ogni spavent:
Alfin ced il Pagan;
Viod oribil di muarz e di languenz
Dut semenat il plan,
E par dut cori il sanc quasi a torenz:
Pur cun furor insan
Rincore i siei, ma invan, e viod dut strac,
Che quintri il cil ogni valor flac.
Leopoldo a la to glorie
Assist il grand Ido simpri presint;
Gridi il to chiamp vitorie,
E l' Aquile imperial si spieghi al vint;
Sei funeste memorie
Al Gianizzer felon l'Arabo lari,
E a riveriti ogni Monarchie impari.



Dichiarazione di affetto all'amante.

SONETTO

A te, dal mi pinsir e dal mi cuur
Sole speranze, mandi chest Sunet,
Cun d, che ti ten simpri in miez dal pet,
E che simpri di sta tu ses sr.

Sta la me fede salde come un mr,
In compagnie d'un grand e bon afiet,
E d'ogni triste sorte al brut dispiet
Sar di me l'amor costant e pr.

Tu di risquintri ses lu mi mador,
E prei chel che l'ha fat in cil lis stelis,
Che al ti tegni lontan d'ogni malor.

Vi simpri domandant di te novelis,
E se 'o sint a cont qualchi rumor,
Si fs di te pensand il cuur in stielis.



CANZONE CINGARESCA PER NOZZE

E' un arbolat cu ds
Che da l'otantesis
Si ha di ved

Chiossis, che han di appar,
E fa stup duquang,
Ju pizzui e ju grang
Umin dal mont.

Custui al fs un cont,
Che senze d spavent
Si vedar un portent
Tas bestal.

Si ha di ved un nemal
Cu tra il nibli e il zuss,
Ma l'ha un poc di catuss
Ta 'l cim.

Chest si ha di marid,
E chioli une polzete
Di etat un poc provete
Di agn cinquante.

Tante legrezze e tante
Si sint in chel ps,
E par che ognun al ds
No ved l'ore

Di ved che' Signore
A splum chel ucel,
Che par no jessi biel
E' i dsin Cuc.

Chest par mamaluc
Al ha tant sgiarpedat,
Che alfin al ha chiatat
Dul fa nt

E cuss spelucht
A' dsin che al ul fa
Stup dut Chiuri
In tes sos gnozzis.

Di z si emplin lis cozzis,
S'infndin ju butaz,
Ai chiapons e dindiaz
Si tire il quel.

Sar scrove o purciel,
Chialzons penz quatri dez,
Cu faran tir pez
Tai cu chialderiis.

Sar po un zei di bueriis,
Balotis a la fin
Cun dal formadi asn,
E de cajostre.

Si far po une giostre
Tra quatri giostradors,
Che fra dug i signors
Vadin ator.

Panfilo il prin cu cor,
Bruse e Napolitan,
E i tre presinz saran
Come sta il pat.

Il prin sar un comat,
Sond un frulir
Par ultin il braghir
Sar di Bruse.

E dopo, come si use,
E' si far un balet
Devant cu vadi in jet
Il sior nuviz.

Al lusor di tre stiz
Comparir Catin,
Vistude di turchin
In t'une zaje.

La done di Zagaje
Cun un ufiel in man
Cume un flor mantan
Sar seonde.

La tiarze biele e monde
Sar la Macarine,
Che par pat di urine
E' va in barele.

L'ultime la Chiargnele
Z morose dal spos
Vignar di nascos
In t'une scemple.

Dopo v dade l'emple
Ognune al so sachet,
Si far po il balet
Des quatri damis.

Al lusor di tre flamis
Di selar ardint,
Fasind slargi la int
Compariran.

E chestis saran
Su di un chiar tronfal
Cuviart di soral
Cun tre aradors:

E chesg saran signors
I prins di chel consei,
Che han sore j' ufiei
Il magistrat.

Dopo v ben laudat
La nuvizze e il nuviz
Plovaran pitiniz
Par ogni bande.

Un'armonie ben grande
Par dut si sintir,
Che calisson sar
E sivilot;

Ch tochiat un biel bot
In franzese maniere,
Far che fin a sere
Al duri il chiant.

No sai se par inchiant
Si sintar dal cil,
Vignind in ta 'l curtil
Un gran rumor.

Rapresentand Amor
Sar Napoli nud
Su un cl di palud
Bendat ju voi.

E sfracujand pedoi,
Trind e pz e ruz
Far rest dug muz
Di maravee.

Tacat a une coree
E pendolant dabass
In luuc dal so turcass
Var un codar.

E cun ponte d'azzar
Il stombli in pd di frezze
Tacat a une chiavezze
A lung pat.

Chest amorin garbat
Sar bendat ju voi
Cun un cenglon ben vieri,
Cu fo di missar Pieri
Il carozzr.



Contro il simulatore

SONETTO

NO, che 'o no crederai e' to finzion,
Perfid adulator: al un gran mat
Chel cu ti crod, savind di propri fat,
Che il ver a la to bochie no sa bon.

Tu sflochis plui bausiis in conclusion,
Che no son i chiavei dal to chiavat;
Zure che Giove sei ta 'l cil stelat,
Jo fede no t'in di , ta 'l ds da bon.

Cimud si puedial crodi par veraz
Dut chel che in ta 'l to cuur tu te squindut,
Se dut chel che tu mostris falaz?

E cui ustu cu crodi al to esponut,
Se il tas stess l' simpri in te mendaz,
E anchie tasind, tu ta 'l mentiss di dut?



Compagnia di amici in Guriz per il giorno di san Martino.

SONETTO

MANDI Tocai lu so netar fervent,
Tributi a no lu Pelachj il licant,
Di Siracuse il so licor potent,
Spagne lu geners bon Alicant.

L'odors Mont-alcin clar, risplendent,
Bergum mandi il so Sant dolz e picant,
Doni Vicenze il Marzemin recent,
Lu Frul il Prossec cu puarte il vant.

Che in compagnie di cheste zovintut
Uei che de nestre st smorzn la pizze,
Bevind de me morose a la salut.

Sar la bocalete la nuvizze,
E no' la bussarn ogni minut,
E des lodris farn po une pilizze.



Risposta dell'Autore a nome del Signor Agostino N.N. al Signor Carlo N.N. come nuovo Poeta.

CANZONE

CUM s, che impari a vivi,
A ved che un cavalir
Di pete ul fa il mistir,
E no 'l sa n lei, n scrivi.

Cheste chiosse sta di fat,
Che vo ciart no avs studiat,
E tant poc anchie imparat;
Ergo dunque vo ses mat.

A laf che j ridicule
Cheste uestre frenese,
J us viod, fradi, a l vie,
E' plui lunge, in te canicule.

E se a cas ds alc di biel,
No' savn , che al ven de man
Di chel mestri Grazian,
Cu mur senze cerviel.

In chel uestri biel racont,
Cu no ds nuje di ver,
J faveli da sincer,
E fs zudis dut il mont.

No saveso, che in Parnas
E no entrrin mai minchions;
Cun chei uestris petolons,
Ce che ocor dami dal nas?

Chei stramboz che simpri fais,
Cun chei viars di mussulin,
Un lunc lunc, l'altri tantin,
Che in strizzassi ju zonchiis.

Vo dais titul di chianzon
A chei uestris madrigai,
Di pur miardis di giai,
Cu no puzzin, n sn bon.

Ma sintmi in f d'onor,
Che us uei d un bon consei:
Lit al pascul cui purciei,
Che sars bon rimador.

E se in fa qualchi viarset,
Vo chiatais qualchi tartufule,
Us oln l a la bufule
Di chianaipe un biel lazzet.

Za savin che in ta 'l d mal,
Vo riusss ben par nature;
Lis ai altris la venture
Par no piardi il chiavedal.

Ma sintmi, chiar Paron,
Cul pens di scrivi ben,
E stimassi un biel inzen,
Mi servs just'di bufon.

Veramentri gran vivezze
Ha che uestre chianzonete;
Chialait l ce biel pete
Di men a bevi in chiavezze!

Ce biei viars faz a la mode,
Cu no valin doi pistacs,
Snai viars, o pur madracs,
Che no han n chiaf, n code?

Ce mistir che vols f!
Seso mat o inspiritat?
Ma se ses mal intopat,
Faisi al manco sconzur.

O Signor, se ols sav
La biel'art dal pet,
Imparait a cumin,
E po a scrivi l'Abec.

Chest non mistir d'alocs;
Se scrivessis dut un an,
Mai pete us stimaran,
Ma plui prest un sclape-zocs.

Ma lassn pur l da part
Chestis flabis, e uei d
Se vols stami a sint
Senze burlis e senze art.

Non part di cavalir
Il d mal di chest e chel;
E seben vs poc cerviel,
Tralassait pur chest mistir.

Chei proverbis cuss soz
In che uestre chianzonete;
Laf nanchie un frut di tete
No diress di tai stramboz.

Ma sintmi, us al ds planc,
Par uar di chest umor,
Faisi fa pur un stretor,
E giav ben ben dal sanc.

Se il furor po us inflame,
Vo pods chest mes d'avost,
Imparand a uestri cost,
Refreschiassi cu la grame.

E se pur us covente alc,
Tochi il pols, ved l'urine,
O fr la paladine,
Mandarai lu marescalc.

E cun chest us uei lass;
Che si stuf di vo e di me:
N us uei nanchie ringrazi,
Ma vo dimi gramarc.



RINUNZIA ALL' AMORE DI FILLI

Al Sig. conte Federico di Zucco suo amico.

OTTAVE

DI chel toc di tiran, che al mi ha tignut
In servitut di amor, si liberat,
Fidr mi chiar, Alfin, il cuur piardut
Dasp tant timp in part ricupert:
Da l'eror che inzampai si ravedut,
E il pet 'o sint alquant refrigerat;
E siben che 'o mi sint qualchi punture,
Poc plui di un miez moment apene dure.

Di z viod sul mostaz impalidit.
Tornami ross il sanc, vif il color;
Di z si viod che il cuur miez uart,
No sint plui de feride il gran dolor:
Qgn suspir de bochie z smarit,
E z dal sen bandit ogni brusor,
Ogni pene e torment hai mandat vie,
Ne sint plui un tantin di zelosie.

Da l'insidie di un sguard, dal tradiment,
Che, belezze crudel, simpri mi ordive,
Plui no paventi, no; di z viod spent
Chel incendi amors che al cuur vignive,
N plui de Muse si udir il concent,
Che par Fili laud sechie la pive:
Pur trop l'hai fat, ohim! pa 'l timp passat,
Ma poc fo cognossut, anzi sprezzat.

La crudeltat e il trop sever trat
Uaste di un cuur amant il ver afiet;
Che j bastanze par pod smorz
Chel fuuc, che pur e biel ard dentri il pet
E pur il d torment, anzi il sprezz
E quasi di ogni femine il difiet:
Maladete la razze! (e lu uei d)
E cului che mai plui lis ul serv.

E s che fasi pur chel che p e sa;
Che sei simpri infedel, simpri vagant,
Che un plui costant di me no chiatar
Se zire dal ponent sin al levant;
Anzi cul timp a' s' inaquarzar
Ce che vul d une femine incostant,
E pur trop vedar la quintri-mine,
Che il timp va fabricand in so rine.

Simpri no durar sul so mostaz
Baldanzose la rose e il zessalmin;
Simpri no vedarn spic sul braz,
Pompe de so belezze il biel manin,
Parc che 'o chiati scrt sul mi libraz,
Che ogni biel in chest mond ha prest il fin;
E che sol la bontat, la cortesie
De stime e da l'amor aviarz la vie.

Tu sas, che al gran timp, che 'o l'hai servide
Cun ogni fedeltat, anzi adorade:
Tu sas qual dal mi cuur fo la feride,
Che ogni chiosse cun te hai confidade.
Or che la volontat dute pentide
Di vele fuur d'ogni reson amade,
Propon al cuur cun dut il so pod
Libar di vivi, e sta lontant di je.

E tu Fidr, se par chiatif destin
In simil labarint tu vess di entr,
Uarde ce che tu fs, e pense al fin,
N in femine cu sei no ti fid;
Che da l'esempli mi, quant sei meschin
Un om inamorat, si p impar:
Schiampe di chest malan; che in conclusion
La femine un nemal senze rason.


Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it