Poesie scelte edite ed inedite in dialetto friulano

Di Ermes di Colloredo,
con aggiunte di Pietro Zorutti
Udine, pei fratelli Mattiuzzi, 1828

(Biblioteca Nazionale Braidense - 18.23.F.22-23)

Pag. 4

Il Poeta d relazione a Polimia di una sua eredit.

CANZONE

SEI benedet chel Sant, che ognun caj
Lu viod dipent cul so grot a slass;
Za che la ree fortune lade in fass,
E si voltade in fin cul biel in su.

Polimie, al tant timp, che 'o si al mont,
E di tang che son laz in sepulture,
Mai nie di ereditat hai vut vinture,
E puess dal zero scomenz a fa cont.

Ma se scomenze, cuss prest no passe
N mai par poc scomenze la furtune;
E uei sper che anchie la me sei bune,
Che se ven cu la bafe e' sar grasse.

muart il mi bon predi, parin!
Tant om daben, devot e santarel,
E mi ha lassat ered di un grass purciel,
Che al d sbrufadis come un paladin.

Al di un pl rizzot, che al pr tant bon,
E che s' al met la sere sot la scufe
Siben che qualchi volte si sgardufe
Intor lu laip, ma senze ambizon.

Al di schene larc, al ha une nadie,
Che al ul par pur bon persut di crodie;
Al sar grass; al mangie che al si smodie,
Tant che chel di Erimanto in ta l'Arcadie.

Us al disi Jaroni, che il ved,
Issind dal gabinet; e dut tilat,
E tant, che un balarn al foss lui stat,
Nus fas in quatri pass un minu.

Legiadri animalet, no puess avonde
Laudati tant, che tu no seis plui bon;
Da ognun bramat in conversazon,
E degn tu ses di l a taule taronde.

Ma de gran rabie j mi mangi il piz,
Che 'o no si purcitar, come pete,
Che 'o voress fus, parone benedete,
Di ponte di bugngul un salsiz.

Credimal ciart, che chel al un bocon,
Che al p l devant ogni gran dame;
Al aperitif e no l' inflame,
N mai al fs sul stomi replezion.

J sai la dose di falu perfet,
Ma la canele che hai no j trop buine,
Ul mitude in bocon e no in farine,
E l' ul tignut ben strent e lat stret.

In di za timp un boconcin a Bete,
Che a i par tas bon e delicat,
N mai mol fin che no v imparat,
Par valessi a so mut po de ricete.

Ma se ven a chiatami sul melon,
Al sar stagionat dur come un clap;
In chest fred cuss fresc al ress flap,
Ma quand che al sint il chiald, al ven po bon.

Parone, j fs gnozzis doman l' altri,
E uei torn a chiat Pasche Tafanie;
Us oferiss la mule e la lujanie:
Si uestri servitor plui d' ognun altri.

PASQUINO E MARFORIO
in occasione di una questione.

O T T A V E

PASQUIN, al mi saltat in ta l' umor
D' armis e cavalirs vol chiant,
Di duchis, di marchs e di un dotor,
E des brris che volevin fa;
Dai ferz e dai muarz, e di culor
Che laude a Gi e' la puedin cont,
E di dug chesg potenz j fs un fass,
Par pod cul mi chiant fa gran fracass.

Dut , che la me Muse strupade
No si smarissi in miez a chest chiamin;
E che vidnsi a fa qualchi bulade,
No si vadi a sporchi dut il martin;
Ma socorile tu a mieze strade,
E di dal flat cun un muzul di vin,
Aci che puessi anch' je cun un cuur fuart
Ressisti fra il teror e fra la muart.

Tu vars z savut la gran custion
Tra il Bortoluss e 'l duche Sant Ochi,
Dal Cont di Nimis, di chel gran ricon,
Che dute la citat al fs trem;
E dug insieme zrin cospeton
Di vol strup, cop, mazz,
E insin cum a chiamin par strade
Si viod la int duquante squintade.

E han armat duquang i siei palaz
Cun arcabs, pistolis e canon;
A si viod su lis puartis ciarz mostaz,
Che a cui cu passe fs schiamp il civon;
E il dotor ha petat quatri libraz,
Cui i fsin sentinele su 'l balcon,
E al spiete armat di forchie e di badil,
Dut il comun de vile di Vacil.

E un so sior Barbe ha di guid l' armade,
Vistut duquant di blanc e di ravost,
A chiaval di une musse ben ferade,
Che al comper in zardin chest mes d' avost;
Par caporai di cheste gran brigade
Al sar lu Dan, il Bric e l' Ost,
Che par jessi paring dal sior dotor
A' son rissolz di fi chest grand onor.

J

u duchis e i marchs stan su l'avis
Par podessi par di chest furor
E' fsin avisaz duquang j' ams,
Aci che a corin prest in ajut lor;
Ma se al ver per chel cu si ds,
Al si dar prest fin a chest rumor:
Che il dotoraz, che al vul salv la panze,
Al confesse par dut la so incranze.

E veramentri fo une brute azion
A rifud che dame tant garbade,
Seben l' ere pechiat che un tal bocon,
Vess tochiat a che bestie buscarade;
Ma mi stupiss dal sior cont V......
Cu no i chiazz in ta' l flanc dute la spade,
Che se doprale in t' un tal cas no 'l vul,
A se p ben petasse l dal cl.

Jere une volte il fin dal cavalir
Cenzi la spade par amor di dame;
Ma cum no si sa altri mistir,
Che di men la lenghe in pt de lame;
Faressin miei custor chioli un braghir,
E lass che pa 'l mond coress la fame,
Che lor no sn difindi altris rasons,
Cu ches che si ricerchie ai siei minchions.

Lis chiossis stan css in sin cum,
Altri no chiol di miez che il pan e il vin:
M uei sper in te' bontat di Gi,
Che cheste uere sortir un bon fin;
Parc, che a dile juste fra di no',
Dug chesg bravz no valin un quatrin,
E z par dut Frul e' lu san ben,
Che si son avodaz a sant Arten.

Pasquin, no' doi che sn umin di ps,
Uln salv la panze pai melons,
E lasse che si mazzin pur chesg brs,
.......................................;
Ma chel che plui mi duul e mi displs,
Al , che par amor di chesg poltrons
Al sar ver pur trop chel cu si ds,
Che al piardar il concet dut il ps.


Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it