Poesie scelte edite ed inedite in dialetto friulano

Di Ermes di Colloredo,
con aggiunte di Pietro Zorutti
Udine, pei fratelli Mattiuzzi, 1828

(Biblioteca Nazionale Braidense - 18.23.F.22-23)

Pag. 1

Il Poeta trova conforto alla sua passione cantando di Polimia.

SONETTO

CHIANTE il vilan, e in fetis v tajant
Lu dur teren cui braz e cui versor;
E seben scalmanat, plen di sudor,
La gran fade plaseul rind cul so chiant.

Chiante la vilanele il sorc sapant
Cul chiaf j bass, e alt lu posterior
E par che disi a Sirio: il to brusor
Che al mi teti di maj, piez di furfant.

Chiante il bolc, e mentri v pascint
La freschie jarbe lu cornut arment,
Cul pitinz sul stec si cure il dint.

Chianti anchie j par slizer il torment,
Che lontan di Polimie ogn'ore 'o sint:
Polimie di chest cuur unic content.



L' Autore si ride della cattiva fortuna, purch possa godere de' suoi amori.

SONETTO

FURTUNE, 'o tal' induar, fami ogni mal,
Che no ti stimarai une gazete;
Fami pur piardi i bez a la Bassete,
N di compr mi resti un sold di sal.

Fami mur pezzent a l'ospedal,
Fai che al tiri caj folc e sete,
E se di gnot j pissi sot la plete,
Mi resti in man la mantie dal bocal,

Pur che j vebi in braz un d il mi ben,
Finissi pur il mond, se al vul fin,
E plovi class dal cil quand cu seren;

Che cun je mi contenti di mur
Su la paje, sul stran o pur sul fen
Come un pitoc, ma fa la muart dal gr.



Sopra un Orologio, a Polimia.

SONETTO

CHEL tic e toc, cu conte ogni moment,
Ju pass, che il timp misure in nestri dan,
E veloz trapassand dal mes a l' an,
Cun chei pass nus conds al monument.

Polimie, pense pur, che a chel concent
Anchie i flors dal to volt e spariran,
E ad onte dal to fast prest finiran
La to crudel beltat e il mi torment.

Cheste fatalitat di uman destin,
Che ogni biel ha caj curte durade,
E un pizzul pass dal principi al fin.

Pietose tu al mi amor conced l' entrade,
Se no, credilu pur, pentz sarn
Tu di vemi sprezzat, j tant amade.



Polimia proibisce all'Autore di far rime sopra il suo nome.

SONETTO

POLIMIE, grand ecess di crudeltat
a volemi contindi cun rigor,
Che n manco esal puessi l'ardor
Chiantand par esalt la to beltat.

Amor, che in te to fazze ha colocat
Dal zardin de belezze il plui biel flor,
Di vedeti sdegnose al ha in oror,
E simpri quintri me senze pietat.

Pur se tu vus cuss, j tasarai,
E al to vol il mi arbitri star sot;
Ma tralass d' amati, chest no mai.

N chiantarai mai plui n d n gnot,
E se no puess chiant, sivilarai,
E costant ti sarai cul sivilot.



Al Sig. P.B. che voleva far lite.

SONETTO

PAULI, avn za passat, che al un bon piez,
La mieze strade dal vital vaz;
Ma mi tete di maj e mi d impaz,
Che il passat al ventur scurte il chiavez.

Une volte erin fradis dal morbez,
E fedei camaradis dal solaz;
Cum di chel mistir fasn strapaz,
Che al vol, il no pod entre di miez.

Se in tal biel timp tu no pus plui scozz,
E t'us fa lit, mistir cu tedie e nause,
Quasi nome a sintilu a nomin;

No no, mude pinsir, e fas pur pause,
Che se sul merit tu vors trat,
Cul pendi in man tu piardars la cause.

Al Sig. Rambaldo N. N.

SONETTO

RAMBALDO, vedars di c indevant
A svol il pess al par d' ogni falcon;
Tu vedars la quaje e 'l pernigon
A l pa l'aghe dut il d nadant.

Vedars il laci a l saltant,
Tu vedars un muss a fa un sermon.
Tu vedars l'agnel fa di lon,
E la magne-copasse l balant.

Tu vedaras insume dug j'uciei
Dug i nemi dal mond a d la so,
E dug: favelarn, sin ju purciei.

Ma tu no vedars, cosp di Gi,
Che 'o credi mai a femine cu sei
Just tant che fossin Abramat Zugi.



Ad un Deretano grande

SONETTO

CULON zigant, dongie di cui saress
Just une farcadizze il mont Chiaval,
E l' Olimpo tant grand al pararess
A paragon un fonc in t' une val.

Sun che to grope squadron poress
Xerse il so chiamp a pid e a chiaval,
E fra ches clpis comud coraress
Il Nilo senze intop, senze interval.

Di Rodi il gran Coloss sei cun so pas,
Bisugne dilu, dongie te al decline,
E a pene che al poress dati dal nas.

E se par sorte tu chiols midisine,
Cui ti por chiat capaz un vas,
Se par cantar no' 'l chiol la Valteline ?

Oh strepit, oh rine
Cu devi fa xuedand chel gran budiel,
Plui cu no quand sclop lu Mongibel!

Ma se mai sul plui biel
Tu institichiss; recipe pal to mal,
Il Lag di Garde in t' un servizal.

E se chest po no val,
Cheste ricete j ti lassi in scrit:
Par cure une piramide di Egit.



In lode della Signora N. N.

SONETTO

VO, che pelegrinand mars e pis
Par cerchi maraveis vagais lontan,
Sprezzand ju fluz onds da l'ocan,
Par ved se al ver chel che si.ds.

C vie vignit, che fals non l'avis,
Mirait Marine agnul dal cil furlan,
Di nature un miracul sore uman,
Belezze fabricade in Paradis.

J m'inchianti a vedele, e dal stupor
Spess j ds fra me stess, no p v fat
Natur sole un cuss biel lavor.

Ma un pinsir cisicand mi ds: o mat,
No ti stup, che un Dio fo chel pitor,
Che di s stess in je form il ritrat.



Per un bacile d'uva donato nel mese di Marzo alla stessa.

SONETTO

AL gran monarchie Ibero e re di Spagne
Mande in tribut Ragusi elet falcon,
E seben l' di plume un lizer don,
Pur chel gran re il gradiss, e no si lagne

Tributus 'o voress la gran Bretagne
E dut insieme lu Setentrion;
Ma se nasst si puar pampalugon,
Gran Dame compatt la me magagne.

Il uestri anim, ch' regio, august e grant,
Gradir il pizzul don d'un curisin,
Che in venerus al' major di Atlant.

Voress che ogni civon foss un rubin,
Voress che ogni grignel foss un diamant,
Voress che il mond foss dut in chel bacin.



Al Sig. Dottor Faragutto.

SONETTO

APOLO strac di pet un d
Par l a Codroip, si part di Parnas;
Subit che al fo rivat puart lu cas,
Che un gran pete fo subit al.

Apolo i' domand: ce vustu ch,
Sostu c fuars vignut par d dal nas
A qualchi pesie fate in Parnas,
O pur par fami in rime un chival?

Si compart a ch par qualchi frut
Giav dal to sav, o grand inzen;
J si Pre Nicol il Faragut.

Chel che devant di te si comparut
Par ador chel to divin inzen,
E in te to grazie jessi ricevut.

Ti prei in ogni mut,
Fa cont di me, siben no si pete,
N mi meti di bande in te sachete.

J te dirai biel sclete:
Se la to grazie j ricevarai,
Un Ovidio Nason deventarai.



Al Sig. N.N. dopo esser stato molti anni inconfesso.

SONETTO

AL mi ven dit che tu ses confessat,
Se al ver, tu ses fuur di un grand impaz;
Cum s che lu Diaul si met il laz,
Che un tant so chiar am lu ha bandonat.

Al mi pr di vedlu disperat
A tirassi i chiavei, sgraf il mostaz;
E di sintilu a di: cospetonaz!
J 'l vevi pur, e pur al mi schiampat.

Ma a tindi uei torn ben j il nasson,
E po uei meti dentri leschie tal,
Cha a trai al tornar fuars al bocon.

Tu prudent fui la trapule infernal:
Dipend dal to vol la elezon
O d'un ben infinit, o eterno un mal.



Al Sig. Cavaliere S. B., che andava formando il ritratto di bella Donna.

SONETTO

SE tu brmis form, famos Bombel,
Da l'adorabil Silvie il biel ritrat,
Fai prime di to man che un furt sei fat,
Robe i rais al Soreli, e fai 'l penel.

Che par ritrai di un Paradis il biel
Il to penel divin caj sol at,
E sol po' d a la bochie e al voli a un trat
E la favele a cheste, e il moto a chel.

Par imit il color dal biel sembiant
Ti di la Primevere ogni so flor,
E l'Iride ti mandi il so biel mant.

Ma se tu vus form cun je il mi amor,
Chiol chel color funest cu va stemprant
In tes lagrimis mes il so rigor.



Supplica ad Amore

SONETTO

SE di cast amador umil prejere
Arive, Amor, al to divin aspiet,
Se i suspirs ardentissims dal mi pet
Trapssin mai a la to alte sfere;

Di, se Polimie, che al mi arbitri impere,
Se al pen, se al sofr alfin promet
Gratitudin almanco, se no afiet,
Se pietose sar, o pur severe.

Ah! che trop baldanzs l'ardiment:
No, no rispuindi, Amor, sospend alquant,
Che un s e un no dal par mi d torment:

Che chest mi cuur l'ame e l'adore tant,
Che se tu ds di s, muur di content,
E se tu ds di no, j muur penant.



Sopra una differenza criminale tra il Sig. N. N. e il Sig. N. N.

SONETTO

COPARI, avs alzat masse l' umor
A contindi cu l' E... di paritat:
Se vo ses Cavalir e gran Signor,
Lui sore i Cavalirs ha 'l magistrat.

La uestre cognossude nobiltat
Sostentait pur, sior Zorz, cun gran vigor:
Seben che 'l mond viod la disparitat,
La miarde e 'l muschio son dug d' un color.

Ma chel mo, cu difind uestre rason,
Che al mi perdoni, al ha un brut procedi
A fa cognossi al mond che ses cojon.

N vo pods dolessi, par mi credi,
Se a us stat petat un sganasson;
Che se ses Dazar, us tochie a squedi,



Alla sepoltura di un avaro.

SONETTO

CHESTE la tombe di chel avaron,
Che in vite par fa bez al stent tant
Mangi mal, bevi pies, in rest galant,
Chiapiel frust abit rot e trist scufon.

Mai giold un spass, n sodisfazon,
N mai d di limuesine un contant;
Alfin ridot al pass agonizant
L' lt a fa une visite a Pluton.

Mendic in tes richiezzis vivut,
Par cumul stat simpri in torment,
Possessor no da l'aur, ma possedut,

Fo l'aur in vite lu so gioldiment:
Lui lu ingrum e j'altris lu han gioldut,
Tu spazzisir pisse sul monument.



Al bel seno ed al bell'occhio di bella donna per nome Claudia.

SONETTO

DOI biei voi e un biel sen, tesaur di amor,
Tra lor contndin di belezze il vant;
Brilin chei neris voi plui dal diamant,
Supare il sen di perle il biel candor.

Carlo il Paride ses, che in grand ardor
Prove feliz e fortunat amant,
D tu, se i voi plui biei o plui galant
Sei lu biel sen, ma no cometi eror.

Fai la sentenze tu come conven,
Mostriti zudis just, ret e modest,
Che dut fregio da l'amat to ben

Se j foss zudis, saress just in chest
Par no fa tuart ai voi, n manco al sen
Chiolaress sen e voi, e dut il rest.



Donna brutta, sporca e pidocchiosa che vuol esser bella.

SONETTO

MI d tant gust, Francesc, e tant dilet
La vezzose beltat di Jacumine,
Che in vaghegi chel delicat viset,
Mi pr di v la retenzion d' urine.

Spolverize la chiome il glandonet,
E lu tartar pedli fs rine;
Ma se l' ongle lu gafe e no l' sclet
A schiamp, si refs la parine.

Chel voli traditor al sta in aguat
Par fer dentri il scuss come lu cai;
Chel nas zigant lu ten miez taponat.

Di chel cu no si viod po tasarai,
E lassi lu so tuf a l' odorat
Di chel Orfeo cu chiante il mes di mai,


Biblioteca Nazionale Braidense - Sito Web: http://www.braidense.it
Via Brera 28 - 20121 Milano - Tel. +39 02 86460907 - Fax +39 02 72023910 - Email: info@braidense.it