Bosinate

Noeva Bosinaa

Sul Proverbi adess corrent
Semper in bocca a tanta gent
E tutt i d el va dree a cress
St'intercalar de di
OH DESS !

In Milan

DIALOG TRA PASQUIN E MARFORI

Marf. Ben vegnuu el me car Pasquin
Hii imbrojaa via el vost Asnin?
Pasq. Vegni giust per st'interess
Ma venduu l'Asnin? Oh dess.
Marf. Donc avarii venduu el polam
Ai Milanes per scoeud la fam?
Pasq. A divela giusta me rincress
Che a vend i Puj per chi... Oh dess!
Marf
. E la Miee i menaa appress?
Pasq. Mia Miee in Milan? Oh dess!
Marf
. Farissevv ben on bon interess
Pasq. Lo faa quai voeulta... ma Oh dess!
Marf. L' un bel boccon arrost, e alless
Pasq. S, ma in Milan per mi Oh dess!

Marf. Se po sav el me car Pasquin
Sto Proverbi meneghin
Che adess l' tant in uus
Per tutt i loeug, per tutt i buus,
E in tutt i straa se sent de spess
A pronunzi semper Oh dess!
Pasq. S'ho da di giust quest el me par
Vun di solet intercalar
Che i Milanes de tant intant
Senz and tropp investigant
Sul valor dell'espression,
Disen de spess senza rason
Senza sta tant a studi
Cossa poeu el voeur signific
Or g'han la Lum, ora el Lampion,
Ora el t'ho vist, ora el Ballon,
Ora e cich ciacc andem a monscia.
Ora i Perucc con su la conscia,
Ol tiret arrent, o1 marcia in l'acqua.
O andem a spass cont ona Fiacca,
O se fem ciera, o ven appress,
E ultimament se dis: Oh dess!
Tutt proverbi che in sostanza
Fors dall'ozj, e l'ignoranza
D'intant intant vegnen in scena,
E per Milan poeu se somena.
Senza on ver significaa
Ne per che cossa in staa inventaa.

Marf. Donc se me disen s'hoo miee
E se quaidun ghe gira adre,
Perch el topp se ved a cress...
Pasq. Se ghe rispond sul fatt: Oh dess!
Marf. Se vun me dis s'hii on galantomm,
Pien d'onestaa, e de bon nomm,
Pasq. Non me ste chi a favv rincress
E sul moment, se dis: Oh dess!
Marf. Se vun me domanda in conseguenza
Se g'hoo netta la coscienza,
sa cert intrig, su cert garbuj
Che me suzzed ogni freguj?
Pasq. Senza fa chi olter prozzess,
Se conferma col Oh dess!

Marf. Se vun me dis per bizzaria
Vegnarisset all'Ostaria
Che sta sira el ghe on Gabbiott
Badial da tir sott
A giug ona primerina
Da fac perd anc la marsina?
Pasq. Se fa polid el so interess,
Ma ogni freguj, se dis Oh dess!
Marf. Ma supponem che vun me cred
Che mi tratta in bona fed,
Ma che in fin poeu la trovaa
Che bell e ben mi l'hoo imbroja?
Pasq. Quist in coss che al zert rincress
Ma se dis semper mi: Oh dess!

Marf. Figuree mo che in appress
Massimament al temp d'adess,
Che tutt coss va a bulardee
Mi gh'avess ona Miee,
Senza condotta, e senza onor,
Bona nom da fa l'amor,
Persa in di mod, e in di caprizj
Perfetta maestra in tutt i vizj,
Che fuss de scandol al visinaa
E anc l'obbrobri della Zitaa,
Col port indoss ona vesta
La pi libera, e desonesta?
Pasq. L'impedig l' on bon rifless;
Ma coi Donn se dis: Oh dess!

Marf. Ho da soffr per me despett
D'ess Mar de sto soggett,
Che no la intent minga rason,
Che no la gha reputazion,
Senza prudenza, n moral,
Pescg anc mo d'on animal?
Pasq. Quant i donn hin in deliri
Per i mod, l' on gran martiri,
Perch gnanca coi Cannon
Se guarissen de l'ambizion,
E no ghe olter poe in sto caas,
Fa come tanti menanas
Toller tutt, e di de spess
Corregg la miee? mi? Oh dess!

Ciamee al scrocc, al trufador,
Al ciarlatan, all'impostor,
Ciamee al lader, al sassin,
Al vagabond, al biricchin,
Ciamee ai bulli, al prepotent,
Al scorla coo, all'imprudent,
All'imbroj, l'ostariatt,
Ciamee alla turba di sciavatt,
Che va su e gi per i streccioeur,
Massem in l'ora di tegnoeur,
A ferm la gent per la marsina
E a f el mestee della sgualdrina,
Ciamegh a quest, e tutt l'istess
Tutt ve dirann, chi? mi? Oh dess!

Marf. Veden pur che l'om vizios
L' a se stess pericolos?
San pur ch'el lader, el sassin
Nol p f che mala fin?
San che chi pesca in l'acqua impura
Va prima del temp in sepoltura?
Che chi ha 'l mond scandilizzaa
Con di mod liber, e svaccaa,
O prest o tard giura diana
Ha da rend cunt de settimana,
Che tutt el maa che chi se f
Boeugna purgal al mond de l.
Pasq. Con tutt sti coss portaa all'ezzess
Disighel a lor: chi! mi! Oh dess!

E per quest mi son d'avvis
Che tutt quel che adess se dis,
Con la lingua a rompi coll
No l' che on gioeug de bei paroll,
Ma che se ved in realtaa
Che ben divers l' l'operaa.
Marf. Donc l' zert el vost prozess
Che tutt costor che dis Oh dess,
In person second disii
D'on sol corp e d'un vestii,
Cio che dis materialment
Quel che in coeur non mai se sent
E che no boeugna stagh appress,
A quii person che dis Oh dess.

Pasq. Mi no vuj minga fa on giudizi
Come se dis a prezepizi;
Ghe po ess di galantomen
Bona gent, e fior de omen,
Giacch tutt han on quei defett,
E anc quel vizj benedett,
Da imitass tucc come i peguer
Senza disting el bianc dal negher,
E tutt quel che a di se sent
Imit materialment.
Come de spess fan volentera
Tutta la gent de bassa sfera,
Da d di coss slenza rifless
Massemament quel d: Oh dess!

Marf. Donc direm sincerament
Per conclusion de l'argoment,
Che in tutt i vizj, ed i defett
I Milanes han per dilett
Vun con l'olter da copiass
E fass la scimia a tutt i pass?
Pasq. Quest l' appont la gran reson
Che de spess tra sta Nazion,
Se sent certi strambalott
Che no esprimen .giust nagott,
Che no gha n coo n pee,
Come i lasagn di Offellee.
Come l' quel del nost congress,
Sul meret goff da d: Oh dess!

LE' FENIDA.